Titolo 1

Sed ut perspiciatis unde omnis iste natus error sit

Titolo 2

Sed ut perspiciatis unde omnis iste natus error sit

Titolo 3

Sed ut perspiciatis unde omnis iste natus error sit

Titolo 4

Sed ut perspiciatis unde omnis iste natus error sit

Edizione 2018

Edizione 2018
Firenze
24 - 25 Marzo
13.000

Visitatori

14

Luoghi

Firenze
Scopre gli
atelier

  • Amedei
  • Aquaflor
  • Acquazzurra
  • Emilio Pucci
  • Enrico Coveri
  • Ermanno Scervino
  • Gucci Garden
  • Lorenzo Villoresi
  • Loretta Caponi
  • Museo della Moda e del Costume di Palazzo Pitti
  • Museo Salvatore Ferragamo
  • Officina Profumo Farmaceutica Di Santa Maria Novella
  • Stefano Ricci
  • Antico Setificiofiorentino

Per due giorni, il 24 e 25 marzo 2018, Firenze ha aperto le porte delle sue storiche maison e dei suoi straordinari atelier alle visite libere e gratuite del pubblico. Per la prima volta è stato possibile vedere cosa si nasconde nei meravigliosi palazzi, nei cortili incantati, nei laboratori dove sopravvivono lavorazioni uniche. Nei luoghi dove nascono le creazioni di marchi da sogno, che tutto il mondo ci invidia.

La miscela irresistibile fatta di bellezza, accuratezza, genio artistico e capacità artigianale, che sono gli ingredienti originali dell’Italian Style, è uno dei simboli più potenti del nostro Paese. E se la moda permea le nostre città, da Milano a Roma, c’è però un luogo dove la sua massima espressione, l’alta moda, si è affermata, aprendosi allo scenario internazionale. Quella città è Firenze, che nel 1951 vide la nascita della moda italiana nella Sala Bianca di Palazzo Pitti.

ApritiModa Firenze ha svelato un patrimonio che negli anni la città ha saputo coltivare, accrescere e fondere con gli altri simboli della sua inimitabile e aristocratica bellezza. Fiorentini, turisti e innamorati del bello, in un week end di precoce primavera, hanno attraversato i luoghi sacri della città – i lungarno, i borghi, le piazze, le vie dai nomi carichi di storia, Pucci e de’ Bardi – scoprendo dove è nata, prosperata, conservata e dove tutt’oggi diventa prodotto, la capacità italiana di fare.