Essere guantai è un privilegio d’altri tempi. La famiglia Squillace lo è dal 1923. Nel cuore del centro storico di Napoli il guantificio Omega tramanda una tradizione d’artigianato d’eccellenza nata durante l’epoca borbonica e mai abbandonata. La presenza della corte dei Borboni nella capitale del Regno delle due Sicilie ha contribuito notevolmente allo sviluppo della produzione di questo articolo e ha trasformato Napoli nella capitale mondiale del guanto. Un primato ancora riconosciuto alla città.

Da quattro generazioni, la famiglia Squillace realizza a mano guanti unici seguendo rigorosamente tutti i canonici venticinque passaggi richiesti dalla finissima pelle e dai minuscoli dettagli. Una qualità che si riflette nella selezione delle migliori pelli “pieno fiore” tinte per immersione plongé (mai plastificate) e tagliate a mano per garantire l’ideale calzata del guanto.

La ricerca della perfezione nella bellezza delle rifiniture e la scelta del pellame naturale rendono i guanti partenopei piccoli capolavori da indossare. L’artigianalità dei guantai Omega è apprezzata da tutto il mondo dell’alta moda e si trova anche nelle preziose boutique di New York, Londra e Parigi.

Una popolarità che non modifica le buone tradizioni. In via Stella, a due passi da Piazza Cavour, la famiglia Squillace accoglie i visitatori con una tazza di caffè napoletano fatto in casa, perché solo così si può sentire l’armonia tra cultura e saper fare italiano. «I nostri guanti vivono con le Vostre mani e parlano, a chi sa ascoltarli, di un artigianato secolare che ha fatto, e continua a fare, la storia di Napoli».